Seleziona una pagina

Chi colpisce gli avvocati colpisce il diritto di difesa

da Ago 11, 2016Diritti della persona, Notizie

Esprimiamo il nostro profondo cordoglio per l’attentato terroristico verificatosi il 9 agosto 2016 presso un ospedale nella città pakistana di Quetta, nel quale sono morte decine di persone e ne sono rimaste ferite centinaia, tra cui numerosi colleghi.

Apprendiamo dai media che i numerosi avvocati colpiti dall’attentato costituivano, insieme ad alcuni giornalisti, il vero obiettivo dell’azione criminale, poiché avvocati e giornalisti sarebbero tra le categorie più attive in favore dei diritti umani nell’instabile provincia del Belucistan, cui Quetta appartiene.

Evidenziamo che colpire gli avvocati in quanto tali è di per sé un gesto di straordinaria gravità, poiché significa aggredire il diritto fondamentale di ogni persona umana alla difesa tecnica (artt. 8;10 e 11 Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo) e con esso la possibilità di rendere effettivo qualsiasi altro diritto.

Pertanto, nell’esprimere solidarietà agli avvocati pakistani e alle loro famiglie, ci auguriamo che cresca la consapevolezza sociale riguardo al ruolo fondamentale dell’avvocato per lo Stato di diritto e, soprattutto, auspichiamo che eventi così gravi non abbiano mai più a ripetersi.